Servofreno come funziona

Il servofreno viene utilizzato dall’auto per moltiplicare l’energia impressa sul pedale del freno. Potrebbe essere trovato, in base allo schema del progetto dell’auto, antecedente alla pompa idraulica, oppure successivamente a quest’ultima. L’azione del componente è utile per inprimere meno forza è ottenere una frenata più efficace.

servofreno-diagramma

Servofreno – Funzionamento

La differenza di pressione, che viene esercitata al suo interno, è la componente basilare per Il funzionamento del servofreno. Questo elemento è capace di aumentare del quadruplo la forza frenante impressa dall’autista sul pedale del freno utilizzando quella che comunemente viene anche chiamata “leva idraulica”.

È composto da una capsula pneumatica separata in due vani e da un pistone di lavoro su cui è agganciata una membrana elastica. Il primo dei due vani è a “ pressione variabile ” e l’altro a ” pressione costante “. A mettere in comunicazione le due camere, quando il servofreno è a riposo, sono dei fori posti sul pistone.

Tramite l’innesto dotato di valvola di non ritorno è connessa la camera a pressione, ad un collettore di aspirazione del motore, nel caso l’accensione sia comandata dal . Nei motori ad accensione spontanea esso è connesso ad una pompa a depressione.
Il vano a pressione variabile è separato dall’ambiento quando il collettore è a pressione inferiore relativamente a quella dell ambiente, mentre la camera a pressione variabile è separata dall’ambiente esterno da una valvola di controllo della pressione dell’aria esterna. La Valvola di controllo, fornita, di un pistoncino e di una valvola di comando, tenuti in adesione da una molla.
Nel momento in cui il motore risulta acceso e il servofreno rilassato, i due vani sono in connessione e di conseguenza in depressione fra loro. L’elemento di separazione ( il diaframma ) non è deformato e sulle facce del pistone di lavoro è impressa la medesima pressione.

servofreno-rigenerato

Depressore Servofreno

Cosè il depressore del servofreno?
il depressore del servofreno è quella componente che consente al motore di aspirare via, l’aria, dai vani del servofreno. Il depressore come detto in precedenza moltiplica la forza rendendo la forza, non solo maggiore, ma anche stabile e bel calibrata in base alla pressione impressa.

Servofreno come funziona – Cosa succede agendo sul freno?

Imprimendo la propria forza, con il piede, sul pedale del freno, l’asta di comando viene portata in avanti. Il movimento dell’asta genera due conseguenze.

1) il pistoncino della valvola va a imprimere la propria forza sul disco di reazione.

2) Si dilata la valvola dell’aria esterna. Otteniamo un squilibrio di pressione quando il pedale del freno si comprime solo in parte. Se il pedale viene azionato parzialmente, fra vano a depressione e camera di lavoro, va ad intervenire sul pistone, al quale viene indotto uno spostamento in avanti insieme al puntalino, finché l’energia di reazione della pompa non raggiunge la stessa forza evitando che il componente funzioni in on/off.

Il disco di reazione si dilata quando il puntalino si ferma , muovendo in avanti Il pistoncino della valvola e si chiude la valvola dell’aria esterna.Sul puntalino e sul pistone , l’energia, è costante fino all’interuzione della pressione sul pedale. Il componente cruciale è rappresentato dal cilindro, che è separato dal pistone di lavoro in due corpi.

La depressione si esercita nel vano di sinistra a riposo, attraverso il collegamento. In questo modo, attraverso la connessione nella camera di lavoro, è connesso con la pressione esterna e la valvola a depressione. (anche nel corpo di destra). Quindi il pistone di lavoro, è spinto dalla molla di richiamo verso destra.

Nel momento in cui si esercita la forza sul pedale del freno, un sistema induce il movimento dell’asta di comando verso sinistra chiudendo in primis la valvola e poi l’entrata dell’aria esterna nel corpo di destra attraverso la valvola dell’aria stessa.

Sullo stantuffo si esercita una differenza di pressione che aumenta la forza di spostamento verso sinistra. Comprimendo lo stantuffo della Pompa tandem inserendo liquido in pressione alle ruote.

Come finisce l’azione frenante ?

Mantenendo costante l’energia impressa sul pedale del freno, la risposta dello stantuffo idraulico incide sullo schiacciamento della valvola a disco elastico. In seguito alla chiusura della valvola dell’aria proveniente dall’esterno. Così lo stantuffo si stabilizza in una posizione intermedia. Risultando chiuso sia il sistema di connessione con il condotto in depressione sia il foro di passaggio dell’aria a pressione atmosferica.

In conclusione, quando termina l’azione sul pedale, lo stantuffo converge verso destra sotto l’energia della molla. Cosi si determina la prima chiusura della valvola dell’aria esterna e poi l’apertura del condotto in depressione.

Servofreno Cosa Faciamo noi delle Officine Landi?

Alle Officine Landi, ci occupiamo di revisionare ed in seguito rigenerare servofreni usati restituendogli il 90% delle performance di fabbrica. Gli impianti rigenerati sono consigliabili rispetto alle controparti usate, perchè permettono di risparmiare senza perdità di qualita. Sul nostro store, potrai trovare i migliori servofreni sia nuovi che rigenerati. Ricordati che puoi richiedere la rigenerazione del tuo servofreno, tramite il form sottostante.

Alcuni nostri Prodotti

LAND ROVER DEFENDER 90 SERVOFRENO -REV-

ALFA ROMEO 75 / 90 -REV- SERVOFRENO

PEUGEOT / SERVOFRENO CITROEN C4 307 -308 – RCZ con ESP -NUOVO-

IVECO DAILY II 89>99 bendix -REV- SERVOFRENO

IVECO DAILY II 89>99 bendix -REV- SERVOFRENO (SFTAT2)

IVECO DAILY II 89>99 bendix -REV- SERVOFRENO (SFTAT1)

Richiesta conto lavorazione Rigenerazione

Nel caso il prodotto desiderato non fosse disponibile o preferisci far rigenerare il tuo ricambio, compila il seguente modulo per rigenerare il ricambio il tuo possesso. Compilando questo modulo provvederemo ad inviare un corriere presso l'indirizzo da te fornito per il ritiro del pezzo e ti invieremo un'e-mail con la lettera di vettura da stampare e da applicare sull'imballo. Il costo della rigenerazione è il medesimo visibile nella scheda del prodotto.
Il ritiro può essere effettuato dal Lunedì al Venerdì per il giorno lavorativo successivo. Le richieste pervenute il Sabato, la Domenica e i giorni festivi saranno evase il primo giorno lavorativo utile. Nota bene che la rigenerazione del ricambio è soggetta alle condizioni dello stesso: eventuali maggiorazioni del prezzo dovute a componenti non rigenerabili e, dunque, da sostituire, saranno preventivamente comunicate al cliente prima di procedere con la lavorazione. Le spese di spedizione, sia quelle di andata, che di ritorno, saranno in qualsiasi caso a carico del cliente, anche nell'evenienza quest'ultimo rifiuti di rigenerare il ricambio e/o nel caso il ricambio sia danneggiato a tal punto da impedirne il processo di rigenerazione.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Prodotto richiesto

Codice prodotto

La tua e-mail*

Nome*

Cognome*

Codice Fiscale*

Ragione sociale

Partita IVA

Indirizzo per il ritiro*

CAP per il ritiro*

Città per il ritiro*

Contatto di riferimento

Telefono di riferimento*

Data desiderata per il ritiro* (gg/mm/aaaa)

Orario preferito per il ritiro

dalle:

alle:

Note

Immetti il codice di sicurezza *
captcha

Inviando questo modulo accetto le condizioni sul trattamento dei dati personali e le condizioni di vendita

Attenzione: non ci assumiamo la responsabilità per danni causati durante il trasporto e smarrimenti. Consigliamo di imballare adeguatamente e con cura i ricambi.