Il servosterzo idraulico è nato inizialmente per lo sterzo di veicoli molto pesanti, come ad esempio i trattori o gli autocarri, poi è passato alle grosse berline e negli anni ‘80 anche ai modelli piccoli. In seguito però il sistema a poco a poco ha ceduto spazio ad altri sistemi più attenti al risparmio, come ad esempio quelli elettrici, ma conserva ancora una buona diffusione.

Il funzionamento del servosterzo idraulico è molto semplice:

una pompa ad alta pressione azionata dal motore invia in un circuito, collegato con il meccanismo di sterzo, un liquido che agisce su un pistone. La pressione del liquido varia in proporzione al movimento del volante. Il pistone è solidale con l’asta dentata della cremagliera e quindi la pressione idraulica l’aiuta a scorrere in un verso e nell’altro per sterzare le ruote.

S.Sterzo-doblò-dopo(4)
Come tutte le componenti dell’auto anche il servosterzo idraulico necessita di controlli e manutenzione. Spesso può capitare che si avverta uno strano rumore nell’atto di sterzare, quando si attraversano buche o dossi oppure si può avvertire un gioco sterzo al centro in questi casi occorre far controllare il veicolo da un’officina specializzata. Anche quando manca l’olio nella vaschetta del servosterzo oppure il veicolo perde olio dal lato anteriore bisogna rivolgersi ad esperti del settore.

Officine Landi nata nel 1976, da oltre 20 anni è specializzata nel campo della revisione di scatole sterzo meccaniche e  idroguide a settore.

scrivi cubito per maggiori informazioni: magazzino@officinelandi.it